Berlioz - debussy -causson

Frédéric Chaslin | Enrico Celestino, viola

Direttore d’orchestra, compositore, pianista e scrittore, Frédéric Chaslin è nato a Parigi dove ha studiato al conservatorio per poi perfezionarsi al Mozarteum di Salisburgo.

Attivo sia sul versante operistico sia in quello sinfonico, Frederic Chaslin ha diretto nei più prestigiosi teatri del panorama lirico internazionale.

 

Enrico Celestino,nasce a Milano da genitori napoletani.

Prima viola del Teatro Comunale di Bologna, si e’ esibito in diverse occasioni come solista in lavori di J.S.Bach, G.Kurtag, W.A.Mozart, R.Strauss, G.Kancheli, H.Wolf, T. Murail, J.N. Hummel, sotto la direzione,fra gli altri di G.Gavazzeni, O.Maga, W.Yurovsky, H.Schiff, R.Polastri, A.Pinzauti, S. A. Reck.

 

Domenica 19 maggio | 17.30Teatro Manzoni

Programma

HECTOR BERLIOZ

Aroldo in Italia op. 16

CLAUDE DEBUSSY

Prelude a l’aprèz-midi d’un faune

ERNEST CHAUSSON

Sinfonia in Si bemolle maggiore op.20

Compositori

Aroldo in Italia op. 16 (durata 45’)

Data composizione: 1834
Prima esecuzione: Parigi, Salle du Conservatoire, 23 Novembre 1834
Movimenti:
1. Adagio. Allegro
2. Allegretto
3. Allegro assai. Allegretto. Allegro assai. Allegretto
4. Allegro frenetico

L’opera è ispirata a “Child Harold’s Pilgrimage” di Byron ed è una rielaborazione di un brano commissionatogli da Paganini, il quale l’aveva poi rifiutato considerando la parte della viola “poco solistica”. Si tratta di una sinfonia in quattro parti per viola solista e orchestra che rispecchia le regole e le caratteristiche della cosiddetta musica a programma, in cui attorno all’idea poetica centrale ruotano diversi motivi che si richiamano direttamente e indirettamente al soggetto principale.

 Prelude a l’aprèz-midi d’un faune (durata 12’)

Data composizione: 1891 – settembre 1894
Prima esecuzione: Parigi, Société Nationale de Musique, 22 dicembre 1894

Primo capolavoro sinfonico di Debussy prende ispirazione da alcuni versi di Mallarmè. Inizialmente progettato come trittico, l’autore ne sviluppa poi solo il Prelude in una struttura in tre sezioni A-B-A, con due tempi principali. Incommensurabile è il valore d’innovazione che dà al concetto di forma e che avrà una forte influenza su tutta la musica del Novecento.

 

Sinfonia in Si bemolle maggiore op. 20 (durata 32’)

Data composizione: 1889-1890
Prima esecuzione: 1891
Movimenti:
1. Allegro non troppo
2. Allegretto
3. Allegro non troppo

La prima esecuzione, guidata dallo stesso compositore, è datata 1891 e venne eseguita per la Société des Nouveaux Concerts di cui Chausson era segretario dal 1899. Si tratta dell’unica sinfonia scritta dal compositore; di una seconda, invece, rimangono solo alcuni schizzi. La Sinfonia rispecchia la lezione di Wagner attraverso gli insegnamenti di Franck di cui Chausson divenne pupillo durante gli anni del Conservatorio a Parigi, e quella di Massenet suo maestro. Una lenta introduzione che introduce il tema principale dell’Allegro apre la Sinfonia suddivisa in tre movimenti, secondo la lezione franckiana.

ORCHESTRA DEL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA

Orchestra di grande tradizione, si sono avvicendati alla sua guida S. Celibidache, Z. Peskó, V. Delman, R. Chailly, D. Gatti. Da gennaio 2015 Michele Mariotti, dopo essere stato Direttore principale dal 2008, ha assunto il ruolo di Direttore Musicale. L’Orchestra del Teatro Comunale è frequentemente invitata all’estero e, in particolare, ha un rapporto privilegiato con il Giappone, dove si è esibita in sei tournées dal 1993 al 2013.
Dal 1988 partecipa regolarmente al Rossini Opera Festival. Nel marzo 2013 i corpi artistici del Teatro Comunale di Bologna diretti da Mariotti sono stati protagonisti del concerto inaugurale del IV Festival internazionale Mstislav Rostropovich di Mosca eseguendo la Messa da Requiem di Verdi. Nell’ottobre del 2015, le compagini artistiche del Teatro Comunale con il loro Direttore Musicale Michele Mariotti hanno inaugurato la rassegna Lingotto Musica, presso l’Auditorium Giovanni Agnelli di Torino, con lo Stabat Mater e l’Ouverture e le Danze dal Guillaume Tell di Rossini. Nel 2016 l’Orchestra del Teatro è stata protagonisti del Rossini Opera Festival in tre appuntamenti: La donna del lago firmata dal regista Damiano Michieletto, Ciro in Babilonia, con la regia di Davide Livermore e “Florez 20”, concerto per festeggiare i 20 anni dal debutto a Pesaro del tenore peruviano.

Il 2017 ha segnato una rinnovata collaborazione tra il Teatro Comunale di Bologna e il Festival Verdi di Parma, che ha visto impegnati l’Orchestra e il Coro nella Traviata firmata dal regista Andrea Bernard e nello Stiffelio con la regia di Graham Vick, che ha ottenuto un grande successo di pubblico e critica vincendo il Premio Speciale del 37° Premio della critica Musicale “Franco Abbiati”.

Nel 2018 l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna è stata nuovamente in scena al Festival Verdi con Un giorno di regno per la regia di Massimo Gasparon (dall’originale di Pier Luigi Pizzi) e, di rara esecuzione, la versione francese del Trovatore, Le Trouvère, con la prestigiosa regia di Bob Wilson.