Gaetano Donizetti

L'elisir d'amore - Opera Next

Nel 1832, in pieno sfolgorio di carriera, Donizetti produce un dramma giocoso che gioca con le convenzioni, su libretto di Felice Romani. L’elisir d’amore mette a profitto i saperi della carriera dell’autore, in un’opera equilibrata nel rapporto tra il fattore buffo, quello sentimentale e quello metateatrale. La vena giocosa di Donizetti, fatta di fresca invenzione e spunti popolari, è posta qui al servizio di una trama basata sull’amore e l’equivoco.

Nuova Produzione del TCBO
con Auditorio de Tenerife e con Teatro dell’Opera e Balletto di Tbilisi, Georgia

PROGETTO EUROPA CREATIVA

 

 

4 | 5 | 7 | 8 | 9 | 10 Aprile 2020

Acquista

PRESENTING PARTNER:

SAB | 4 | APR | Turno Prima | H 20.00
DOM | 5 | APR | Turno D | H 15.30
MAR | 7 | APR | Turno A | H 20.00
MER | 8 | APR | Turno C | H 18.00
GIO | 9 | APR | Turno B | H 20.00
VEN | 10 | APR | Turno P | H 18.00

NOTE DI REGIA

L’elisir d’amore rimane fresco e giovane oggi come alla sua prima, con il fascino che risiede, in gran parte, nella sua impudenza. Il capolavoro comico di Gaetano Donizetti si presenta, secondo Piero Mioli, come “un susseguirsi di parodie, invettive, sciocchezze, civetteria, follia, arroganza e ciarlataneria”, che illuminano la colonna sonora in una sequenza di scene separate e autonome, componendo un quadro di personaggi atipici e singolari piuttosto che una trama concreta e coerente. Tuttavia, il tema dell’opera è uno ed è costante: la ridicolizzazione del concetto di amore romantico.

È proprio sulla base di questa idea che la coppia formata da Adina e Nemorino, si costituisce come una brillante replica comica di quella celebre composta da Tristano e Isotta: per la prima, contro ogni sacralizzazione, l’amore è una malattia necessaria che cerchiamo di curare infettando gli altri, quindi ricorrendo a falsi rimedi che ci aiutano a confermare la diagnosi. Come gli antieroi dei film muti, Nemorino ci mostra come la ricerca di una soluzione magica ai nostri problemi (tanto labili quanto quelli ridicoli) si nutre della fame umana dell’illusione; D’altra parte, Adina è così deliziosamente nevrotica, che non è in grado di lasciarsi eccitare. Un po’ alla maniera di Woody Allen e Diane Keaton (complessato e insicuro lui, iper-riflessiva e insoddisfatta lei), la coppia protagonista alternerà disaccordi e incomprensioni fino a quando non si troveranno dall’altra parte dell’illusione.

Precisamente, è qui che la nostra lettura scenica scava: l’amore come una finzione, come una sceneggiatura cinematografica, a sua volta, incorniciato da quella grande fabbrica di sogni che è il cinema.

Pablo Maritano
Per gentile concessione di Auditorio de Tenerife


CAST

ADINA

4 | 7 | 9

NEMORINO

4 | 7 | 9

BELCORE

4 | 7 | 9

BELCORE

5 | 8 | 10

IL DOTTOR DULCAMARA

4 | 7 | 9

IL DOTTOR DULCAMARA

5 | 8 | 10

GIANNETTA

4 | 7 | 9

GIANNETTA

5 | 8 | 10

COMPOSITORE

Gaetano Donizetti (1797-1848) è il compositore italiano del XIX secolo più prolifico: nel suo catalogo si contano oltre settanta titoli operistici di generi diversi. 

Facente parte del repertorio semiserio L’elisir d’amore insieme a La fille du régiment  e Don Pasquale, alle opere serie della “trilogia Tudor” (Maria StuardaAnna BolenaRoberto Devereux) e a Lucia di Lammermoor, lo pongono come uno dei più amati e noti esponenti del Romanticismo musicale.

SCENE

SERENA ROCCO

COSTUMI

LORENA MARIN

PROGETTO LUCI

FIAMMETTA BALDISERRI

MAESTRO DEL CORO

ALBERTO MALAZZI