TARTINI - DI LASSO - BRAHMS - CAPLET - LACHNER

Alberto Malazzi | Coro femminile del Teatro Comunale

Alberto Malazzi

Classe 1961, ha studiato pianoforte e composizione presso il conservatorio G. Verdi di Milano.
Dal 2002 è Maestro del Coro presso il Teatro della Scala di Milano, precedentemente ha ricoperto il ruolo di Maestro del Coro Ospite presso Radio-France, Accompagnatore al piano per il Sommerakademie Mozarteum di Salisburgo ed ha collaborato a lungo col Teatro La Fenice di Venezia ed il Rossini Opera Festival di Pesaro.

Mercoledì 17 aprile | 20.30Basilica di San Petronio

Programma

“È il tema della Croce a caratterizzare questo programma per coro femminile, a cappella, con organo e con orchestra d’archi.
È la croce vista da Maria, nei due Stabat Mater di Giuseppe Tartini (1692-1770) e Franz Lachner (1803- 1890), tristemente cantilenante, tra melodia gregoriana e semplice armonizzazione a tre voci, il primo, e dalle tonalità vibranti, intrise di dubbio, nel contrapporre al colore delle voci femminili un’orchestrazione per soli archi gravi (ovvero priva di violini), nel solco della tradizione tedesca del Gesang der Geister über den Wassern di Franz Schubert e del primo movimento del Deutsches Requiem di Johannes Brahms, il secondo.

È la croce per chi crede, quella che sostiene il corpo dell’Agnello sacrificato per salvare il mondo, nel gruppo di mottetti di Orlando di Lasso (1532-1594) e di Johannes Brahms (1833-1897), dove la comune scrittura contrappuntistica si declina in trasparenze di filigrana, diverse solo per grado, e nella Messa di André Caplet (1878-1925), capolavoro di finezza compositiva, con i suoi echi gregoriani, e sensibilità spirituale, sebbene (o forse proprio perché) scritta all’indomani del massacro della Grande Guerra.”

Alberto Malazzi

 

GIUSEPPE TARTINI

Stabat Mater per Coro a cappella

ORLANDO DI LASSO

da Cantiones Duarum Vocum
Oculus non vidit
Expectatio justorum

JOHANNES BRAHMS

Ave Maria op. 12 per coro femminile e organo
Der 13. Psalm op. 27 per coro femminile e organo
O bone Jesu op. 37 n. 1
Adoramus te op. 37 n. 2

 

ANDRÉ CAPLET

Messe a trois voix 

FRANZ LACHNER

Stabat Mater op. 168 per soli, coro e orchestra

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA

Orchestra di grande tradizione, si sono avvicendati alla sua guida S. Celibidache, Z. Peskó, V. Delman, R. Chailly, D. Gatti. Da gennaio 2015 Michele Mariotti, dopo essere stato Direttore principale dal 2008, ha assunto il ruolo di Direttore Musicale. L’Orchestra del Teatro Comunale è frequentemente invitata all’estero e, in particolare, ha un rapporto privilegiato con il Giappone, dove si è esibita in sei tournées dal 1993 al 2013.
Dal 1988 partecipa regolarmente al Rossini Opera Festival. Nel marzo 2013 i corpi artistici del Teatro Comunale di Bologna diretti da Mariotti sono stati protagonisti del concerto inaugurale del IV Festival internazionale Mstislav Rostropovich di Mosca eseguendo la Messa da Requiem di Verdi. Nell’ottobre del 2015, le compagini artistiche del Teatro Comunale con il loro Direttore Musicale Michele Mariotti hanno inaugurato la rassegna Lingotto Musica, presso l’Auditorium Giovanni Agnelli di Torino, con lo Stabat Mater e l’Ouverture e le Danze dal Guillaume Tell di Rossini. Nel 2016 l’Orchestra del Teatro è stata protagonisti del Rossini Opera Festival in tre appuntamenti: La donna del lago firmata dal regista Damiano Michieletto, Ciro in Babilonia, con la regia di Davide Livermore e “Florez 20”, concerto per festeggiare i 20 anni dal debutto a Pesaro del tenore peruviano.

Il 2017 ha segnato una rinnovata collaborazione tra il Teatro Comunale di Bologna e il Festival Verdi di Parma, che ha visto impegnati l’Orchestra e il Coro nella Traviata firmata dal regista Andrea Bernard e nello Stiffelio con la regia di Graham Vick, che ha ottenuto un grande successo di pubblico e critica vincendo il Premio Speciale del 37° Premio della critica Musicale “Franco Abbiati”.

Nel 2018 l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna è stata nuovamente in scena al Festival Verdi con Un giorno di regno per la regia di Massimo Gasparon (dall’originale di Pier Luigi Pizzi) e, di rara esecuzione, la versione francese del Trovatore, Le Trouvère, con la prestigiosa regia di Bob Wilson.

Tra le più rinomate compagini corali del panorama internazionale, alla sua direzione si sono succeduti G. Riccitelli, L. Magiera, F. Fogliazza, F. Angius, P. Monti, M. Seminara, P. Vero, L. Fratini e dal 2013 A. Faidutti. Numerose le produzioni discografiche, tra le quali La Favorita, Macbeth, Manon Lescaut, Rigoletto, La cenerentola e la Messa Solenne di Rossini. Tra le numerose presenze all’estero si ricordano Amsterdam (1987), Wiesbaden (1994), Giappone (1993, 1998, 2002, 2006, 2011), Savonlinna (2006), Santander (2008), Muscat (2014). Di rilevante importanza il ritorno al Rossini Opera Festival nel 2009. Nel 2001 ha partecipato alla Messa da Requiem di Verdi alla Royal Albert Hall di Londra, per il BBC Proms Festival, con la Royal Philharmonic Orchestra e la direzione di Daniele Gatti. Di rilievo la collaborazione con Bologna Festival per un concerto in formazione a cappella con brani di Coppini/Monteverdi, Palestrina e Pizzetti, collaborazione rinnovata nel 2014 con l’esecuzione di brani di Liszt e Szymanowski. Nel 2011 ha partecipato al Mosè in Egitto per la regia di Graham Vick e la direzione di Roberto Abbado, produzione che ha vinto il premio “Abbiati” quale miglior spettacolo dell’anno.