Stagione
 / Eventi 2011 - 2015
Evento
21 May 2015
Teatro Comunale e CAAB
Un accordo per bologna
 
Interpreti

Intervengono:

Nicola Sani - Sovrintendente Teatro Comunale

Andrea Segrè - Presidente CAAB

Fabio Roversi Monaco - Presidente Genus Bononiae

Michele Trimarchi - Economista della Cultura

Sebastiano Sardo - Eataly World

 

MUSICA E CIBO SI INCONTRANO AL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA: GIOVEDI’ 21 MAGGIO IL CONVEGNO CHE SIGLERA’ LA SOTTOSCRIZIONE DI UN ACCORDO CON CAAB, PROMOTORE DI FICO. IL PROTOCOLLO SARA’ FIRMATO DAL SOVRINTENDENTE NICOLA SANI E DAL PRESIDENTE DI CAAB ANDREA SEGRE’. 

 

ALL’INCONTRO PRENDERANNO PARTE ANCHE IL PRESIDENTE DI GENUS BONONIAE FABIO ROVERSI MONACO, L’ECONOMISTA DELLA CULTURA MICHELE TRIMARCHI E SEBASTIANO SARDO IN RAPPRESENTANZA DI EATALY WORLD.

 

 

BOLOGNA - Un accordo per «studiare, concordare e mettere a punto le migliori e più ampie sinergie al fine di valorizzare il progetto FICO, nella fase precedente e in quella successiva alla sua inaugurazione»: questo l’obiettivo del protocollo di intesa che sarà sottoscritto giovedì 21 maggio da CAAB – Centro Agroalimentare di Bologna e Teatro Comunale di Bologna, nel corso del convegno “Teatro Comunale e CAAB un accordo per Bologna – Dialoghi su Musica e Cibo tra le note del Flauto Magico”, in programma alle 17 nel foyer Rossini del Teatro Comunale. Partecipano il Sovrintendente Nicola Sani, il presidente di CAAB Andrea Segrè, Fabio Roversi Monaco, presidente di Genus Bononiae, Michele Trimarchi, economista della Cultura e Sebastiano Sardo in rappresentanza di Eataly World.

Ma l’accordo acquista il suo pieno senso di termine musicale, in quanto viene messo a punto fra CAAB, promotore di FICO e Teatro Comunale di Bologna, con l’obiettivo di sviluppare  sinergie tra le attività che saranno promosse da FICO e quelle legate al mondo della musica che saranno curate dal Teatro Comunale, anche attraverso il sistema di collegamento con le formazioni artistiche e le strutture che fanno capo al teatro. CAAB - Centro Agroalimentare di Bologna è una fra le maggiori strutture di distribuzione all'ingrosso in Italia e opera attraverso una strategia fondata su innovazione e sostenibilità. Anche da queste premesse nasce il progetto FICO, concepito nel segno di cibo e sostenibilità, binomio imprescindibile per il nostro tempo nell’approccio stesso alla produzione e nella concezione stessa di filiera agroalimentare. Bologna “City of food” raccoglierà dunque il testimone dell’Expo milanese per la mobilitazione planetaria sul tema del cibo: il grande Parco tematico sarà realtà di riferimento per la divulgazione e la conoscenza dell’agroalimentare italiano e delle sue eccellenze, attraverso la ricostruzione delle principali filiere produttive su un’area di oltre 80mila metri quadrati.

 

 

“Con questa nuova partnership si apre una pagina estremamente significativa nella storia culturale di questa città, dichiara il Sovrintendente Nicola Sani. Il Teatro Comunale di Bologna si muove in piena sintonia con le strategie di CAAB e le linee di sviluppo pensate per il progetto FICO, mettendo al centro dell’attenzione le tematiche della sostenibilità, della qualità e dell’ecologia sonora. Desideriamo proporre un modello di ascolto e di partecipazione diverso alla rappresentazione musicale, dove la musica possa creare nuove relazioni con il mondo esterno, privilegiando scelte culturali che devono essere al tempo stesso di elevata qualità, ma alla portata di tutti. La musica, la sua caratteristica socializzante, è per molti aspetti assimilabile al piacere della ricerca e della condivisione del cibo e di un rapporto con esso che rifiuta le scelte stereotipate. Musica e buona tavola sono sempre andate di pari passo e vorremmo che questo binomio possa aprirsi all’immaginazione della creatività del nostro tempo dando vita a nuovi prodotti culturali, accompagnando tutti coloro che verranno a visitare FICO - il nuovo polo dell’agroalimentare di Bologna – per integrare la loro esperienza nella cultura gastronomica con il piacere di un ascolto consapevole e della partecipazione ad una forma di spettacolo che possa essere il più grande nutrimento per la mente e per lo spirito. Al tempo stesso FICO avrà nel Teatro Comunale di Bologna una straordinaria cassa di risonanza, un meraviglioso strumento per “accordare” le proprie proposte, in sintonia con le rappresentazioni delle opere del grande repertorio classico, con i concerti della tradizione sinfonica e le innovative ed inedite proposte della scena contemporanea”.

 

21 May 2015 - 15:00
TCBO e CAAB - Un accordo per Bologna
Foyer Respighi

Typo3 Appliance - Powered by TurnKey Linux