Press & Media
 / Comunicati stampa
05.05.2014
IL LAGO DEI CIGNI
Balletto in due atti e quattro scene
di PËTR IL’IČ ČAJKOVSKIJ
AL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA

THE KREMLIN BALLET

DEL PALAZZO DI STATO DEL CREMLINO

presenta

IL LAGO DEI CIGNI

 Balletto in due atti e quattro scene

di PËTR IL’IČ ČAJKOVSKIJ 

AL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA

 

direttore

Felix Krieger

 

coreografia e regia

Andrej Petrov – Artista Nazionale – Premio di Mosca

 

Scene

 Stanislav Benedictov – Artista Nazionale Premio di Stato di Russia

 

costumi

Olga Poljanskaja

 

direttore artistico del Kremlin Ballet

Andrej Petrov – Artista Nazionale di Russia

 

Direttore Generale e Direttore Artistico del Palazzo di Stato del Cremlino

Petr Saboltaj  

 

Allestimento

Kremlin Ballet

Palazzo di Stato del Cremlino

 

Orchestra del Teatro Comunale di Bologna

 

Lo spettacolo comprende alcuni frammenti delle storiche coreografie di Lev Ivanov, Marius Petipa e Aleksandr Gorskij

 

Giovedì 8 maggio, alle ore 20.00, nella Sala Bibiena del Teatro Comunale di Bologna, debutta Il lago dei cigni di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

 

L’allestimento è presentato dal Kremlin Ballet del Palazzo di Stato del Cremlino, la realtà più prestigiosa in fatto di danza classica della Russia, fondato nel 1990 dall’Artista Nazionale e coreografo Andrej Petrov.

 

Il lago dei cigni, balletto in due atti e quattro scene su libretto di Vladimir Begichev e Vasil Geltzer, è il primo dei tre balletti musicati da Pëtr Il’ič Čajkovskij, che lo compose tra il 1875 e il 1876. Andato in scena per la prima volta al Teatro Bolshoi di Mosca nel febbraio 1877 con la coreografia di Julius Wenzel Reisinger, lo spettacolo non ebbe il successo sperato dal compositore, nonostante le ripetute repliche.

Bisognerà aspettare il genio creativo di Marius Petipa che, dopo la morte del compositore, nel 1895 insieme a Lev Ivanov creerà una coreografia destinata a tributare al balletto il meritato successo, entrando definitivamente nella storia, oltre che nel repertorio dei teatri di tutto il mondo.

E dalla coreografia di Petipa-Ivanov sarà poi difficile prescindere, se è vero che anche un grande coreografo e ballerino come Rudolf Nureyev nella sua altrettanto storica coreografia del capolavoro di Cajkovskij si rifà comunque al lavoro di Petipa e Ivanov.

 

E frammenti dalle storiche coreografie di Marius Petipa, Lev Ivanov e Aleksandr Gorskij non mancano nel lavoro che il coreografo Andrej Petrov ha costruito con il Kremlin Ballet del Palazzo di Stato, da lui fondato nel 1990 e diventato nel frattempo una parte essenziale delle conquiste artistiche che contraddistinguono la storia culturale della Russia di oggi.

 

Il Kremlin Ballet, che riesce a coniugare con risultati altissimi la grande tradizione del balletto russo con creazioni contemporanee, ha già al proprio attivo più di 80 tourneé in più di 30 paesi in giro per il mondo, e vanta collaborazioni importanti con i più grandi artisti al mondo.

 

Il coreografo e regista Andrej Petrov, formatosi professionalmente all’Accademia di Coreografia della Città di Mosca, e perfezionatosi sul palcoscenico dell’Accademia di Stato del Teatro Bolshoi, ha creato per il Kremlin Ballet più di 16 coreografie.

 

Il lago dei cigni, pur nella fedeltà alla tradizione del balletto russo, e in particolare della storica coreografia di Petipa, riesce a proporre soluzioni scenografiche e coreografiche originali, unite alla straordinaria bravura di un corpo di ballo impeccabile.

 

Sul podio dell’Orchestra del Teatro Comunale torna il Maestro Felix Krieger, dopo il successo ottenuto la scorsa stagione con la direzione di un altro balletto, La doppia notte di Monica Casadei.

 

Soggetto del balletto.

Atto I.

Si festeggiano i vent’anni del principe Siegfried. Wolfgang, il Precettore del Principe, introduce e presenta gli ospiti. La Regina, madre di Siegfried, entra accompagnata dai cavalieri ed esorta gli invitati a rallegrarsi con lei: il Principe, infatti, si sposerà presto e sceglierà la promessa sposa tra le fanciulle che ella stessa ha invitato alla festa. Il Principe, pensieroso, sogna un amore ideale e proprio per questo il Precettore cerca di riportarlo alla realtà e ai doveri che lo attendono. Siegfried, però, sembra non intendere ragioni: il suo spirito tende a evadere dalla realtà che lo circonda e a rifugiarsi nel sogno.

 

Atto II.

Il Prinicpe vede apparire una candida donna-cigno, con il capo ornato da una corona. Incantato, Siegfried le si avvicina: il cigno dice di essere una principessa, Odette, trasformata in cigno insieme ad altre fanciulle per i sortilegi del cattivo mago Rothbart. L’incantesimo potrà essere sciolto solo se qualcuno le giurerà amore eterno. Colpito dalla confessione, Siegfried promette ad Odette di salvarla. I due si scambiano un giuramento amoroso. Le ragazze-cigno nel frattempo fanno da scudo ai due amanti contro le aggressioni di Rothbart. Siegfried invita Odette al ballo che l’indomani la Regina darà a palazzo e durante il quale egli dovrà scegliere la sua sposa. Ma Odette gli risponde che per lei sarà impossibile andarci: la sua condizione di cigno glielo impedisce. Siegfried, allora, afferma che non si sposerà e giura a Odette fedeltà eterna. Al sorgere del sole le apparizioni scompaiono.

 

Atto III.

Nel Palazzo il maestro di cerimonie dà inizio ai festeggiamenti. La Regina accompagna Siegfried che però appare turbato ed estraneo a quanto lo circonda. Dopo le danze folclori che, al Principe vengono mostrate le aspiranti spose ma egli le rifiuta. Ma improvvisamente entra a Palazzo una creatura misteriosa che assomiglia a Odette. Siegfried, rapito e soggiogato, non ha attenzioni che per lei. Ma sotto quelle sembianze si nasconde in realtà Odile, creatura di Rothbart, trasformata con un sortilegio nella sosia di Odette. Ed è proprio lei che il Principe, credendola Odette, chiede in sposa. Rothbart trionfa: così Odette non potrà essere salvata.

 

Atto IV.

Siegfried, consapevole ormai dell’errore commesso, si dispera dal dolore. Torna la visione del lago: al centro, tra i cigni, Odette pinage il suo amore perduto. Angosciato dal rimorso, il Principe supplica Odette di perdonarlo. Ma è troppo tardi. Il malvagioo Rothbart toglie per sempre Odette al Principe. Il sogno è stato infranto.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

Dopo la “prima” di giovedì 8 maggio, Il lago dei cigni replica venerdì 9 maggio (ore 20, fuori abbonamento), sabato 10 maggio (ore 15, turno Pomeriggio, ore 20, Turno A), domenica 11 maggio (ore 15.30, Turno Domenica), martedì 13 maggio (ore 20, Turno B), mercoledì 14 maggio (ore 20, Turno C). .

 

 

Bologna, lunedì 5 maggio 2014

 

L’Ufficio stampa

Tel. 051 529947

333 8294901

s.piagno@comunalebologna.it

ufficiostampa@comunalebologna.it

Typo3 Appliance - Powered by TurnKey Linux